Pesaro e dintorni - Piazza Maggiore a MondainoHai presente quei posti dove la storia lascia un segno che lo scorrere del tempo non può cancellare? Se sei in vacanza a Pesaroe dintorni non puoi non fare un’escursione a Mondaino! A soli 20 km dal capoluogo di provincia, a metà tra le colline pesaresi e quelle riminesi sorge questo incantevole borgo, con i suoi 420 metri di altitudine.

Il mare Adriatico da una parte, il Montefeltro dall’altra, è un po’ come essere al centro del mondo. La Rocca che lo sovrasta e le mura castellane che lo cingono rimandano ben presto la mente al Medioevo: in realtà le sue origini risalgono a molto prima. Mondaino, un’altra meraviglia della provincia di Pesaro tutta da scoprire.

Le origini del borgo vanno molto indietro nel tempo e si mescolano con miti e leggende. Tutto a Mondaino rimanda alla dea Diana, a partire dall’etimologia del nome che nasce dal Daino, animale sacro di Diana, dea della caccia e della luna. Addirittura si mormora che nel Settecento all’interno del borgo sorgesse un tempio pagano, edificato in suo onore. La meravigliosa Piazza Maggiore poi, con la sua splendida esedra da tutti invidiata, è stata ideata prendendo spunto dal tempio della dea Fortuna Preneste, assimilabile appunto alla Dea Diana. Mondaino è il monte dei daini e il monte di Diana. I daini ci sono ancora e anche la presenza di Diana riecheggia tutt’oggi tra le mura del borgo.

Hotel Pesaro - Confronta offerte

Pesaro e dintorni - Il Convento di MondainoL’imponente Porta Marina è la prima cosa che incontrai accedendo al castello. Varcata la soglia, troverai una piazza incredibile, circolare, con uno splendido loggiato neoclassico. Qui una volta trovavano posto le botteghe, una dopo l’altra. Oggi invece si trova un bar, anzi “il bar”, il palazzo del Comune e il museo dei fossili. Non stupirti se sentirai dire da qualche parte che questa è la “piazza a padella”. La ragione? Vai di fronte al comune, dai le spalle all’entrata del Municipio e guarda diritto, di fronte a te: la via Roma scende. Bene, via Roma è il manico e tu sei proprio dentro la padella, pronto per essere fritto! Se non è questo il paese dei Ghiottoni!

I prodotti tipici

Se sei alla ricerca di prodotti tipici di Pesaro e dintorni sei nel posto giusto. Mondaino offre infatti ai suoi visitatori una serie di ghiotte sorprese. Il Formaggio di Fossa ad esempio ha ricevuto nel 2008 l’etichetta DOP. Deriva da una lavorazione particolare: il pecorino estivo viene messo a fermentare in maniera naturale in apposite fosse di stagionatura, scavate nelle arenarie di Mondaino. I formaggi vengono sotterrati durante il mese di agosto in occasione del Palio del Daino, altra rinomata manifestazione del borgo, e riportati alla luce a novembre, quando due domeniche del mese vengono appunto dedicate alla Sfossatura. Molti visitatori accorrono ogni anno ad assaggiare le squisite prelibatezze dei formaggi, che si rivestono anche di grano e di altri ingredienti speciali. Molto apprezzati sono anche i racconti degli esperti che con cura e attenzione rendono partecipi i curiosi visitatori di particolarità sulle fosse e sui procedimenti imprescindibili che rendono il formaggio così buono.

[youtube http://www.youtube.com/watch?v=WX8tzfCFo4s?rel=0&w=560&h=315]

In realtà, durante queste giornate di festa il formaggio non è il solo protagonista. Ad essere celebrati accanto a lui anche il tartufo bianco e Cerere. Infatti, nel territorio mondainese nascono anche le due qualità del pregiato tubero: il tartufo bianco e quello nero. E nel periodo di raccolta, se ne sei un amante, potrai apprezzarlo nelle trattorie, nelle enoteche, negli agriturismi o nelle osterie adibite appositamente nei giorni di festa a Mondaino, attraverso menù tematici costruiti ad hoc.

Cerere invece è la dea della crescita dei frutti naturali e veniva venerata sempre assieme a Bacco, dio del vino, delle vigne e della fecondazione. Quella della festa del Formaggio di Fossa è anche l’occasione di portare in piazza e far conoscere ai visitatori i frutti naturali del territorio marchigiano: l’olio d’oliva gentile, il vino corposo, il miele morbido e zuccherino.

 

E non è finita qui. Dopo aver visitato il borgo e aver scoperto la sua anima godereccia, prima di andar via, ricordati di cercare l’essenza di Mondaino anche al di fuori delle mura: questo territorio è un’esplosione di natura di una ruralità al limite del selvaggio e di una bellezza che è sospesa tra terra e mare. Nei dintorni di Pesaro, a un pugno di chilometri da Urbino ecco Mondaino, un’altra destinazione da non perdere e da inserire assolutamente nel vostro itinerario alla scoperta di Pesaro e dintorni.

Link utili

Il Comune di Mondaino
Il Mulino della Porta di Sotto

 

Tagged with →  
Share →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.