Share →
Sagra della Polenta a San Costanzo di Pesaro 4.67/5 (93.33%) 3 votes

sagra polenta 2013La Sagra della Polenta di San Costanzo è un appuntamento tradizionale per la provincia di Pesaro.

Tale sagra è la più antica della regione Marche e segna la fine dell’inverno e l’inizio della tanta attesa primavera.

Ogni anno si svolge la prima domenica di Quaresima, dopo il periodo carnascialesco annuale, e viene replicata nel periodo estivo, di norma a luglio, interessando così il grande flusso turistico di tutta la riviera.

La sagra si sviluppa all’interno delle antiche Mura Malatestiane e, sotto la torre campanaria del paese, la domenica pomeriggio, vengono accesi i fuochi di legna per cuocere la polenta nei tradizionali caldari ramati artigianali. Una volta cotta, al punto giusto, la polenta viene rovesciata su tavole di legno.

La ricetta è molto antica, custodita gelosamente e tramandata da generazioni.

Hotel Pesaro - Confronta offerte

foto polenta di san costanzoPer la Sagra della Polenta a San Costanzo si radunano maestri polentari provenienti da ogni parte d’Italia, tanto da arrivare a 18.000 razioni di polenta offerta ai visitatori, condita seguendo le più svariate tradizioni: con il merluzzo, con la mortadella, la polenta con la farina di castagne, con l’aringa e certamente quella tradizionale con il ragù dei carrettieri di San Costanzo.

Negli stand gastronomici, allestiti in piazza, si potranno degustare anche altri piatti tipici della tradizione locale, come la trippa e i fagioli in umido, i tagliolini fatti con la farina di fave, pane con farina di mais, pannocchie cotte alla brace e dolci del carnevale marchigiano.

Gli abitanti di San Costanzo cucinano e si preparano per giorni in modo che la festa si svolga nei migliori dei modi e il paese si anima di spettacoli e musica popolare, artisti di strada e attrazione per i piccoli ospiti.

Breve cenno storico

Le origini di questa sagra risalgono a quando i nobili pesaresi usavano offrire questo piatto povero alla gente della campagna, prima di rientrare a Pesaro al termine del carnevale. L’antica usanza venne ripresa dai “carrettieri di San Costanzo” agli inizi del ‘900 e non si è più spenta.

Tagged with →  
Share →

Rispondi