Si sta svolgendo in queste ore l’appuntamento annuale degli Stati Generali del Turismo del Comune di Pesaro, nella bella cornice di Villa Cattani Stuart a Trebbiantico.
Non è mistero che la nuova Amministrazione Comunale targata Ricci ripone molte energie e risorse per la crescita del settore turistico cittadino con il coinvolgimento di tutte le realtà che gravitano attorno, direttamente e indirettamente.

Hanno risposto alla chiamata in tanti, forse più di quanto si aspettasse la stessa amministrazione vista la mole di pubblico rimasto in piedi: oltre ovviamente ad albergatori, tour operator, associazioni turistiche e bagnini anche ristoratori, negozianti, imprenditori, società sportive ed associazioni culturali.

Una forte presenza a testimonianza della sempre maggior consapevolezza diffusa circa l’importanza che il mercato turistico rappresenta, anche per una realtà prettamente manifatturiera come il distretto industriale di Pesaro. Un’entità manifatturiera principalmente caratterizzata dal settore del mobile e della meccanica, che in questi anni hanno visto una forte contrazione dei rispettivi mercati (spesso legati tra loro).

Dopo il saluto di Daniele Vimini, Assessore al turismo nonchè Vice-Sindaco, è seguito l’intervento del Sindaco Matteo Ricci, che ha ripercorso rapidamente le fasi della stagione turistica dell’anno in chiusura, per poi concentrarsi sugli obbiettivi e sulle strategie per la crescita turistica del nostro territorio.

Più che un piano di interventi, Ricci ha delineato le linee guida del suo progetto, dando una forte traccia anche ai tavoli di lavoro che da lì a breve si sarebbero svolti.
Novità di quest’anno, infatti, è la suddivvisione degli intervenuti in workgroup tematici, all’interno del quale costruire un dialogo ed un confronto costruttivo che produca un contributo sia dal punto di vista tecnico che strategico.

Le aree tematiche erano:

  • Promozione e marketing del territorio
  • Pesaro città della musica
  • Pesaro città della bicicletta e del turismo sostenibile
  • Pesaro terra dei motori
  • Pesaro città europea dell sport

Per ciascun filone Ricci ha prospettato una panoramica di ciò che si è fatto e di ciò che si propone di fare.

Eccole in breve.

Pesaro 2016 | Promozione e marketing del territorio

Una città che non comunica, non esiste.
Questo è il concetto portante, le fondamenta del progetto turistico degli anni a venire.
La promozione turistica del territorio è e dovrà rimanere in capo alla Regione Marche, ma il Comune deve mettere a disposizione della Regione stessa e di tutti gli operatori del settore gli strumenti adeguati per poter competere e stabilire le priorità di intervento.

Da qui l’impegno pubblico di definire in largo anticipo (almeno 6 mesi) il programma delle iniziative della stagione turistica, così da poter vendere, nel territorio nazionale e internazionale, Pesaro, non solo come semplice realtà balneare, ma con una serie di iniziative ed eventi a corredo dell’offerta turistica, principalmente rivolta verso il turismo familiare.
La più grande trovata di marketing del 2015 è stata indubbiamente “Sole Assicurato”, in collaborazione con Unipol Sai Assicurazioni e gli albergatori.
Una iniziativa di cui hanno parlato quotidiani e tv nazionali, accendendo un riflettore sulla nostra città.

Meno entusiasmante invece i benefici derivanti dall’introduzione del City Brand #WePesaro.
Un’immagine ed uno slogan distintivi di Pesaro che però fatica a decollare principalmente per il poco coinvolgimento degli operatori turistici e non e della cittadinanza.

Perchè sia “virale” è necessario appunto che ne venga fatto il più largo uso, ma questo primo anno si è chiuso con un risultato deludente ed necessario che l’Amministrazione ne analizzi le debolezze.

 

Pesaro 2016 | Città della Musica

pesaro citta musicaIl primo dei 3 punti cardine del “progetto Ricci”.
La strategia è differenziarsi e caratterizzarsi per bypassare la concorrenza.

La musica, o meglio, Gioachino Rossini è sicuramente un trampolino di lancio notevole e ineguagliabile per altri comuni.
Chiunque conosce un motivo rossiniano. Pubblicità, film, sigle non è raro ascoltare musiche di Rossini. Magari senza sapere appunto chi è il compositore. Figuariamoci conoscerne la città natale.

Pesaro Città della Musica ha mosso i suoi primi timidi passi con l’installazione dei cartelli stradali nelle principali arterie di traffico in ingresso.
Il curioso compleanno bisestile (29/02/1972) del noto compositore pesarese sarà l’occasione per avviare un biennio tutto incentrato su Rossini. Il 29 febbraio 2016 sarà il via per un programma di manifestazioni che durerà sino il 13 novembre 2018, in coincidenza del 150° anno della sua morte.

Le iniziative non si svilupperanno solo su Pesaro, ma in tutti i luoghi rossiniani del territorio nazionale. La vera ambizione è quella di coinvolgere personalità di assoluto spicco: Giorgio Napolitano ad esempio, in qualità di appassionato di opera e più volte ospite di uno dei migliori festival di opera mondiali: il Rossini Opera Festival.

Il progetto Città della Musica passa anche per una collaborazione la RAI per la messa in scena di una fiction dedicata alla storia di Gioachino Rossini e dei suoi luoghi.

 

Pesaro 2016 | Città della bicicletta e del turismo sostenibile

bicipolitana pesaroLo slancio verso le due ruote di Pesaro è stato recentemente certificato dalla classifcia di Legambiente che pone la Bicipolitana di Pesaro al primo posto in Italia tra le città ciclabili.
Una fitta rete di piste ciclabili protette e, in alcuni casi, paesaggisticamente molto piacevoli che oggi può contare su 80 km di percorso dedicato. Entro la fine del mandato Ricci auspica di raggiungere i 100 km.

Un primato importante che crea un binomio perfetto per il ciclo turismo con il Parco Naturale San Bartolo, la cartolina di Pesaro che da sempre affascina gli appassionati delle due ruote (sia moto che bici) con il suo tracciato naturalistico-panoramico mozzafiato.

 

Pesaro 2016 | Terra dei motori

O il triangolo dei motori.
L’ultimo tassello invidiabile (ma non replicabile) della nostra città.

Creare una sinergia con i territori di Coriano e Tavullia per creare un pacchetto turistico per gli amanti dei motori e del motociclismo in particolare.
Coriano, città natale di Marco Simoncelli (Sic), il pilota n. 58 della MotoGP rimasto vittima di un incidente in gara ma tuttora molto amato dal mondo dele moto.
Tavullia con il suo legame con Valentino Rossi e la VR46 Riders Accademy che ogni anno attira migliaia di curiosi.
Pesaro con il Museo Morbidelli, la più grande esposizione mondiale di moto d’epoca, e la Benelli Moto, storica casa motociclistica.

 

Pesaro 2016 | Città europea dello sport

Sicuramente non gli unici a poter ospitare eventi sportivi, ma certamente la crescita del turismo sportivo degli ultimi anni è cosa concreta e tangibile.
Nell’ultimo triennio Pesaro ha ospitati numerosi eventi sportivi legati alla pallacanestro, alla pallavolo e alla ginnastica. Tra i più autorevoli citiamo i Mondiali di ginnastica artistica.

Un turismo dalle marginalità sicuramente più contenute, ma che nel suo piccolo aiuta l’economie alberghiere locali soprattutto in mesi di bassa stagione.

Da qui l’annuncio della candidatura di Pesaro come Città europea della sport e della programmazione di interventi mirati alla riqualificazione degli impianti sportivi: la piscina di Via Togliatti, la ristrutturazione del Vecchio Palas di Viale dei Partigiani, la nuova copertura dell’Adriatic Arena e la risoluzione dell’annosa questione dei seggiolini.

L’appuntamento è per il pomeriggio, quando è previsto un briefing con i tavoli di lavoro.

Share →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.