I RACCONTI DI CARLO PAGNINI IN PILLOLE

El mond l’era gambièd. Adess la qualità dla vita la consentiva da mangnè tutt i giorne clazion, pranz e cena. Prò, chi aveva cnusciud la miseria, ancora inn’avéva el corag da lascè j arvanz in tel piatt.
El dutor, ch’el consiglièva sempre ma tutti da magnè poch. Sa mi’ mèdra po’ el s’arcmandèva: “Signora, a una certa età e quando c’è qualche chilo di troppo, si dovrebbe mangiare un pochino meno. Specialmente di sera”.

Neatre, par el ben sua, an fèmmi atre che armetti in ment quel ch’j dicéva sempre el dutor.
Una sera, mentre ch’ la i arcujéva j arvanz da i piatt di nipot perché, second lia, era pchèd a buttè in tla mundezza tutt chel ben de Dio, un po’ incagnèd a i ò détti: “Ma’, par piacer, lascia gì da mandè gió tutta cla roba. Tant ormèi t’avrà capid che dop la te fà mèl, no?”

Sa un’aria un po’ risentida la m’à rispost: “Eh no! Stà a veda adess che me, a i aveva da fè nascia propi ma te, parchè t’avev da insgnè ma me, com a i aveva da campè!”
Forse la i avéva ragion lia anca cla volta.

Tagged with →  
Share →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.