Oltre ad essere una rinomata meta balneare, Pesaro racchiude in sé un non indifferente nucleo storico-artistico. Le opere d’arte che offre la città non si trovano semplicemente all’interno dei più famosi musei, ma anche tra le vie della stessa città o negli angoli più improbabili: ti potrà capitare di leggere un libro o mangiare un gelato su una panchina, senza sapere di trovarti sopra un vero e proprio capolavoro d’arte Liberty!

L’arte pesarese infatti ti riserva anche questo: oltre alla ceramica e alla maiolica, un’altra peculiarità del patrimonio artistico della città sono le numerose costruzioni e decorazioni Liberty. Tra Villino Ruggeri, Villa Molaroni, il Castiglione, il portale di Viale Trento e le panchine di Piazzale della Libertà ti proponiamo un itinerario alla scoperta dell’arte Liberty pesarese.

Villino Ruggeri

villino ruggeri, stile libertyNel 1902, nei pressi del Kursaal, lo stabilimento balneare che un tempo occupava l’area di Piazzale della Libertà, Oreste Ruggeri diede inizio alla costruzione del suo Villino balneare, inconsapevole di lasciare in eredità ai suoi concittadini un notevole patrimonio artistico.

Le decorazioni del Villino colpiscono tuttora lo sguardo: i fiori e le foglie, le creature marine e i voluti astratti spiccano sulla facciata della costruzione, attirando l’attenzione di qualsiasi passante.

A partire da questa prima testimonianza d’arte Liberty tra la fine dell’Ottocento e gli inizi del Novecento Pesaro vede sorgere sempre più ville e villini che arricchiscono progressivamente il suo bagaglio culturale.

Il Castiglione

castiglione, stile libertyOriginariamente sorto come abitazione dell’artista Ferruccio Mengaroni e come stabilimento delle Maioliche Artistiche Pesaresi, il Castiglione è un imponente edificio risalente al Cinquecento che si trova tra viale Zara e viale Treno, nel cuore della città.

Il Castiglione si presenta come il riflesso della personalità anticonvenzionale e anarchica del Mengaroni. La costruzione si presenta come un vero e proprio Vittoriale in miniatura: peculiari son le colorate decorazioni, le terre e gli smalti della facciata che attirano l’attenzione al primo sguardo.

 

Villa Molaroni

villa molaroni, stile libertyIn Viale Pola, non lontano dal Porto, la Villa Molaroni ospita oggi il famoso Museo della marineria, dedicata alle civiltà marinare adriatiche. Costruita nel 1924 da parte di Giuseppe Molaroni, la costruzione rappresenta tuttora una delle più importanti testimonianze dell’arte Liberty pesarese.

Oltre alle vetrate, le terrazze e le verande con le scalinate l’ edificio è circondato da un parco di ben 5000 metri quadrati che fanno della Villa un luogo ancora più suggestivo.

Villa Ugolini

villa ugolini, stile libertySul lungomare pesarese di Viale Triste si trova Villa Ugolini, città-giardino acquistata da Giorgio Ugolini nei primi anni del Novecento ed ampliata verso gli anni Venti. Affiancata al Museo delle Ceramiche, la Villa presenta uno stile neorinascimentale e rappresenta una tappa immancabile per un itinerario artistico a Pesaro.

Tra le vie della città

Percorrendo le strade della città in particolare in prossimità del lungomare pesarese è possibile trovarsi di fronte a molteplici decorazioni floreali in stile Liberty o dèco.

Per esempio al civico 93 di Viale Trieste si possono osservare i peculiari disegni del portale del condominio, in Piazzale della Libertà invece può capitare di sedersi su una delle panchine decorate con dei leoni a testimonianza della Belle èpoque pesarese ed in Piazza del popolo infine presso il Palazzo delle Poste si trovano dei fregi ornamentali raffiguranti pantere e leoni risalenti ai primi anni del Novecento.

Tagged with →  
Share →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.